Homepage

Ruggero Respigo, dottore commercialista a Milano, svolge dal 1979 l’attività di  Libero Professionista e Consulente aziendale per le maggiori aziende italiane ed estere.
Cosa si intende quindi per Consulenza e più specificatamente per Consulenza Aziendale?

Consulenza

“La consulenza è una prestazione lavorativa professional di un consulente, una persona che, avendo accertata esperienza e pratica in una materia, consiglia e assiste il proprio cliente nello svolgimento di atti, fornisce informazioni e pareri.

Compito del consulente è quindi, una volta acquisiti gli elementi che il cliente possiede già, di aggiungervi quei fattori della sua competenza, conoscenza e professionalità che possono promuoverne sviluppi nel senso desiderato; in tale contesto è sostanziale il rapporto di fiducia tra il committente e chi fornisce consulenza.

Tale fiducia può fondarsi su un rapporto consolidato, sulla notorietà del consulente o sui titoli accademici e professionali che egli possiede.”

Consulenza Aziendale

“Con il termine consulenza aziendale non si intende una tipologia di consulenza bensì il raggruppamento di consulenze specifiche e settoriali quando rivolte al mondo delle imprese e degli enti pubblici (le organizzazioni in termini generali secondo la definizione della norma ISO 9000). Pertanto, la consulenza tecnica/tecnologica, fiscale, tributaria e contabile (amministrativa), finanziaria, legale, psicologica, medica, informatica, d’immagine e comunicazione, di amministrazione del personale, notarile, ecc quando rivolta non a consumatori-cittadini (clienti privati) ma ad aziende, rientra nella vasta categoria della consulenza aziendale. Vi sono delle consulenze che sono solo aziendali (esempio la consulenza direzionale, quella commerciale, la consulenza del lavoro, di medicina del lavoro, di psicologia del lavoro, la consulenza di processo e tante altre specializzazioni di consulenze più generali).

Occorre non confondere i servizi erogati dai consulenti aziendali (che sono imprese o liberi professionisti) da quelli forniti dalle associazioni di categoria delle imprese quando svolgono le classiche funzioni di rappresentanza e tutela dei propri associati.” (fonte wikipedia)

Consulente Aziendale e Consulenza Aziendale in sintesi

Possiamo quindi sintetizzare il tutto in questi termini.

La Consulenza Aziendale si rivolge ad imprese pubbliche e private.

Il Consulente Aziendale è un professionista esperto e competente il cui compito è quello di raccogliere gli elementi in vostro possesso e, grazie all’aggiunta della sua competenza, guidarvi verso un percorso di miglioramento.

Il Consulente Aziendale deve saper ascoltare

Per noi il Consulente Aziendale deve necessariamente essere un ottimo ascoltatore del cliente.

Deve ascoltare tutto quello che il cliente vuole condividere un pò come se fosse un medico di famiglia, in questo caso un medico specialista delle aziende.

Il Consulente Aziendale, per ideare, presentare ed implementare il suo progetto diconsulenza aziendale deve necessariamente conoscere lo scenario di mercato in cui si trova ad operare ma, per tutti i report e le analisi che possa avere ed ottenere relativamente allo specifico mercato, le informazioni dirette del suo cliente, magari imprenditore da oltre trent’anni in quello specifico settore, sono quanto di più importante e strategico.

Il Consulente Aziendale deve saper “leggere il cliente”, le sue preoccupazioni, la sua visione del mercato, la sua descrizione dei problemi reali della sua azienda, del mercato, della concorrenza e dei collaboratori.

Il Consulente Aziendale è colui che, prima di tutto, fa un esame critico per capire con il cliente se l’obiettivo che si vuole raggiungere è fattibile e raggiungibile.
In questo modo può dare un primo feedback al cliente che a sua volta può orientarsi su obiettivi più consoni e realizzabili oppure condividere un percorso fatto di obiettivi intermedi che nel lungo periodo gli permettano di raggiungere l’obiettivo finale (in un’ottica di percorso di consulenza).

Il Consulente Aziendale deve essere concreto

Sempre secondo noi, il Consulente Aziendale deve essere concreto e coerente con il suo cliente e nello sviluppo dell’attività di Consulenza Aziendale.

I modelli teorici alla base delle scienze economiche sono quanto di più valido possa esistere per realizzare un vero progetto di Consulenza Aziendale.

Potremmo definire questi modelli come “i fondamentali”.

Questi modelli però hanno un grosso problema, sono spesso difficili da comprendere e non appartengono ad un linguaggio comune dell’imprenditore e dell’impresa.

Per questo il Consulente Aziendale capace deve essere in grado di portare il suo cliente ad una comprensione completa e totale di questi modelli e dei risultati che da essi derivano.

Spesso, nei nostri progetti di Consulenza Aziendale, c’è capitato di assistere aziende in situazioni critiche a causa di errori strategici ricollegabili alla mancanza di modelli fondamentali nell’approccio al mercato.

Il Consulente Aziendale deve quindi saper aiutare in maniera molto concreta l’azienda ed i risultati del suo intervento devono essere tangibili e misurabili.

 

L’attività comprende

  • Consulenza manageriale
  • Due diligence
  • Fusioni ed acquisizioni
  • Finanza d’impresa
  • IFRS
  • Auditing
  • Gestioni contabili
  • US GAAP
  • Business Plan

Lo Studio Respigo gestisce ed esegue anche :

  • Internal Controls 
  • Mergers & Acquisitions
  • Management Consulting
  • Restructuring
  • Private equity
  • Rendiconti finanziari

Chi siamo

Ruggero Respigo – Dottore Commercialista a Milano

via Arpesani 3

20129 Milano   IT

Email: rrespigo@gmail.com

Tel. & Fax. : +39 0270126754

Blog

Do the Roots of Rising Inequality Go All the Way Back to the 1980s? – Austrian Economic Blogs

Summary: I presented this chart of rising wealth inequality a number of times over the past year. Do you notice something peculiar about the inflection points in the 1980s? Correspondent W.S. noted that the inflection point for the top .1% (late 1970s) preceded the inflection point of the bottom 90% (around 1986): both increased their …

The finance world’s short-termism will destroy our communities, economies and the planet | World Economic Forum

Banks and financial institutions are (still, mostly) macho, testosterone-fuelled environments where making the quick buck trumps almost every other consideration.This attitude to money making – just looking at the immediate profit on a transaction – doesn’t maximize profits. In fact, unless we learn from the mistakes of the past and start focusing on more than …

Boom di operazioni nell’intelligenza artificiale 

Fare soldi con l’intelligenza artificiale è la grande scommessa di quest’anno. Lo confermano il flusso di investimenti dei giganti come Google, Microsoft e Apple che proprio su questo terreno si sono detti disposti a collaborare. Lo affermano anche i maggiori centri di ricerca che hanno individuato nei prossimi mesi la messa a terra di innovazioni …

Contatti

email: Ruggero Respigo rrespigo@gmail.com