Do the Roots of Rising Inequality Go All the Way Back to the 1980s? – Austrian Economic Blogs

Summary: I presented this chart of rising wealth inequality a number of times over the past year. Do you notice something peculiar about the inflection points in the 1980s? Correspondent W.S. noted that the inflection point for the top .1% (late 1970s) preceded the inflection point of the bottom 90% (around 1986): both increased their share of household wealth from 1978 to 1986, and then the share of the top .1% took off, essentially tripling from 8% to over 22%, while the share of the bottom fell precipito

Sorgente: Do the Roots of Rising Inequality Go All the Way Back to the 1980s? – Austrian Economic Blogs

The finance world’s short-termism will destroy our communities, economies and the planet | World Economic Forum

Banks and financial institutions are (still, mostly) macho, testosterone-fuelled environments where making the quick buck trumps almost every other consideration.This attitude to money making – just looking at the immediate profit on a transaction – doesn’t maximize profits. In fact, unless we learn from the mistakes of the past and start focusing on more than short-term gains, our financial myopia could lead to losses, bankruptcies and market failures.

Sorgente: The finance world’s short-termism will destroy our communities, economies and the planet | World Economic Forum

Boom di operazioni nell’intelligenza artificiale 

Fare soldi con l’intelligenza artificiale è la grande scommessa di quest’anno. Lo confermano il flusso di investimenti dei giganti come Google, Microsoft e Apple che proprio su questo terreno si sono detti disposti a collaborare. Lo affermano anche i maggiori centri di ricerca che hanno individuato nei prossimi mesi la messa a terra di innovazioni sia sul fronte del linguaggio e quindi degli strumenti che delle applicazioni.

Sorgente: Boom di operazioni nell’intelligenza artificiale – Il Sole 24 ORE

Il futuro del software: Intelligenza Artificiale, Machine Learning, Deep Learning

Per Sundai Pichar, CEO del gigante di Mountain View, stiamo transitando da un mondo “mobile first” ad un mondo “AI first”. In altre parole i software del futuro, applicazioni e sistemi operativi, per rispondere meglio alle esigenze degli utenti dovranno necessariamente fondarsi su tecniche di Intelligenza Artificiale.

In realtà già oggi le tecniche di Intelligenza Artificiale alimentano alcune funzioni che migliorano la nostra vita. Sono utilizzate per combattere lo spam e le frodi con carte di credito, per operare previsioni economiche e finanziarie, per il riconoscimento vocale (Google, Microsoft, Apple, Amazon) e della scrittura manuale, per la classificazione automatica delle immagini (Google, Apple), per comprendere i nostri gusti e dare suggerimenti (Amazon, Spotify, Netflix, Pinterest), per migliorare il newsfeed (Facebook) e i risultati di ricerca (Google).
In generale ogni problema che richiede l’analisi e la correlazione di Big Data, anche in campi critici come quelli medico-scientifici, necessiterà l’applicazione di tecniche di Intelligenza Artificiale.

Sorgente: Il futuro del software: Intelligenza Artificiale, Machine Learning, Deep Learning | Vincos Blog

Via Ruggero Respigo

Intelligenza artificiale, la tigre cinese attacca gli Usa

Sin dai tempi del telegrafo, il rapporto tra geopolitica e tecnologie dell’informazione e della comunicazione è stato particolarmente stretto incidendo spesso in modo sostanziale sull’evoluzione delle dinamiche mondiali. Oggi, nell’epoca dei big data e della digitalizzazione di qualsiasi cosa, una delle tecnologie determinanti del prossimo futuro è rappresentata dall’Intelligenza Artificiale. Non sorprende, quindi, che la Cina si stia preparando a lanciare una vera e propria sfida agli Stati Uniti sulla leadership nel campo delle applicazioni di questa tecnologia.

Sorgente: Intelligenza artificiale, la tigre cinese attacca gli Usa

Finanza, sarà un super-algoritmo il Warren Buffett del futuro

Nell’industria finanziaria la corsa agli investimenti nell’intelligenza artificiale è entrata nel vivo. Gli hedge fund e le società che gestiscono patrimoni e titoli gareggiano per creare un sistema “pensante e capace di apprendere” che svolga le operazioni di trading e si adatti in modo intelligente alle condizioni di mercato, più abile e veloce di qualunque manager di fondi in carne ed ossa. La società finanziaria che arriverà a possedere questo fenomenale algoritmo batterà tutte le concorrenti. Ma è un obiettivo possibile?

Sorgente: Finanza, sarà un super-algoritmo il Warren Buffett del futuro

Via Studio Respigo Milano